giovedì 19 dicembre 2013

Mineo: migranti in marcia per dire basta ai tempi di attesa che uccidono


Intorno alle 6 di stamani un corteo di circa 600 persone è partito dal CARA di Mineo in direzione di Catania. Sono uomini, donne (alcune incinte) e bambini ospiti della struttura, che da mesi protestano contro i tempi di attesa della definizione della procedura di asilo troppo lunghi e oltre ogni previsione di legge, ma anche per il notevole numero di dinieghi della protezione internazionale decretati dalla Commissione territoriale di Siracusa. 
I migranti hanno prima inscenato un blocco stradale sulla strada statale Catania-Gela, poi hanno proseguito con l’obiettivo di raggiungere a piedi il capoluogo catanese. In questo momento si trovano all’altezza dello svincolo di Palagonia, a 45 km dalla meta. L’ennesimo corte pacifico è stato autorganizzato a 4 giorni dal terribile episodio di suicidio di un giovane eritreo, un’altra vittima del sistema accoglienza italiano, nel quale dentro mega campi  vengono sterminati  i sogni, le aspettative, i desideri e i progetti migratori di giovani provenienti dall’Africa e dall’Asia. 

Gli attuali ospiti di Mineo aspettano una risposta alla loro domanda di asilo da 6, 8, 9 mesi, ma c’è chi addirittura si trova nel CARA da un anno e 2 mesi. 
Guarda il video:

video



La Redazione di Borderline Sicilia Onlus